31 gen 2012

A pastello su carta vetrata

Pastelli “hanno una brillantezza e un’efflorescenza vellutata quasi sensuale, capace di esercitare un fascino straordinario sugli artisti”, Ian Sidaway.
 A scuola in tanto continuammo il discorso della natura morta. Sempre con bambini degli elementari.
Ho preparato una natura morta semplicissima: tre frutti differenti come colore e come forma tutti su un piano orizzontale. La tecnica è nuova per bambini – pastello su carta abrasiva (molto fine).

Pastelli – i colori solari.
Ecco “Ballerine blu” di Edgar Degas un famoso quadro fatto a pastello. Come impressionante quel blu e come il pittore è riuscito ad ottenere il colore così intenso? La risposta è il merito dei colori che ha usato. In poche parole più la quantità di legante si aggiunge al pigmento più la brillantezza e solarità si perde. Pastelli, bastoncini di pigmento colorato hanno poco legante e sono solari. Colori ad olio contengono una grande quantità di legante, e scuriscono con tempo ma si conservano bene. Pastello con tempo si sbriciola è un materiale molto fragile perciò va protetto con il vetro.
Immaginate che effetto fa questo materiale con i suoi colori puri e forti sui bambini. Per loro è abbastanza semplice di usarlo in poche mosse.

I lavori a pastello vanno protetti con un apposito fissativo o con la lacca per i capelli.

acquerello e sapone 011

acquerello e sapone 013

Abbiamo usato sia pastelli duri (sulla foto) sia pastelli morbidi , hanno la forma cilindrica.
Nel lavoro con la natura morta ho rivolto l’attenzione dei bambini su seguenti punti: composizione nel foglio, combinare, mischiare i colori sul foglio, guardare spesso la natura morta e cercare di trovare i colori più vicini a quelli che vediamo nella frutta.
Abbiamo sporcato le mani, si, più o meno come quando si disegna con i gessetti ma abbiamo anche lavorato con entusiasmo.

pastelli duri 016

pastelli duri 022

pastelli duri 006

pastelli duri 020

pastelli duri 004

pastelli duri 010

pastelli duri 014

pastelli duri 012

pastelli duri 002

pastelli duri 018

Ho notato che qua in Italia c’è abitudine di chiamare le matite colorate pastelli. Ho una domanda alle maestre in generale e a quelle di Immagine (Arte) in particolare: quando parlate ai bambini che termine usate per le matite colorate: pastelli o matite colorate?

P.S La carta vetrata si può usare anche per disegnare con le matite colorate.

23 commenti:

  1. Luisa Lecci31.1.12

    Adoro queste forme così semplici, pure e vive di colore!
    Io sia con i bimbi della primaria che con i ragazzi della secondaria specifico sempre la differenza tra matita colorata (legno con pigmento) e pastello ad olio e a cera!
    Quelli che vedo nella tua foto li chiamo Creta colorata... come consistenza molto differenti dai pastelli che faccio utilizzare! 
    Complimenti... ci offri sempre grandi idee!

    RispondiElimina
  2. mammachegiochi31.1.12

    Guarda... te lo dico con il cuore, quando passo di qua e leggo le tue proposte di pittura, mi fai venir una voglia di provare la tecnica che suggerisci, che non hai idea. Tipo questo mi piace tantissimo, non credo di averlo mai fatto e nemmeno di averlo proposto a scuola. Bello bello!Per quanto riguarda i colori hai ragione vengono chiamati in entrambi i modi ( e sinceramente non l'ho mai capito) , forse per la delicatezza. Comunque io le chiamo matite.

    RispondiElimina
  3. Grazie Luisa, Creta colorata è un termine asolutamente nuovo per me, quante cose imparo grazie a voi!

    RispondiElimina
  4. ti ringrazio della risposta (io mi sono un può confusa con questi termini), chiedo a mia figlia: ma la maestra come chiama questi, matite colorate o pastelli e lei risponde: pastelli! Cosi vado a fare una ricerca su internet per capire come è giusto chiamarli...

    RispondiElimina
  5. Vogliounamelablu1.2.12

    che colori forti!

    RispondiElimina
  6. Amalialongo2.2.12

    Ogni volta m'incanti e mi apri un mondo: c'è magia e poesia in quello che fai e ti ringrazio immensamente.
    Mi hai ispirata per fare una sorpresa al mio bambino, grazie ancora!
    un abbraccio,
    Amalia

    RispondiElimina
  7. Danielapalma752.2.12

    ma dove hai trovato i fogli di carta abrasiva???? io ne ho visti solo in rotoli ma saranno 10/15cm di altezza, poi la vendono a metri....
    quindi hai usato gessetti, pastelli a cera e ad olio????
    tutto bellissimo!!!!

    RispondiElimina
  8. mammasorriso3.2.12

    bellissima questa esperienza con la carta abrasiva!!!
    sai che anch'io ho notato questa usanza di chiamare le matite pastelli...si legge in giro ed io mi confondo.
    Infatti per me le matite sono i colori di legno, i pastelli sono i colori a cera :)

    RispondiElimina
  9. Ciao Daniela,
    i fogli (molto fine e extra fine) li ho trovati nel nel "Brico" più vicino misura: 230 mm x 280 mm.
    Una confezione contiene 4, 5 fogli.
    Non ho usato, gessettti, ne pastelli a cera, ne pastelli ad olio! Pastelli a cera contengono cera, pastelli ad olio sono grassi, invece questi pastelli hanno solo il legante per tenere il pigmento. Rispetto ai gesetti sono adatti per uso artistico e si vendono nei negozzi per pittori.

    (Immagine: http://en.wikipedia.org/wiki/File:Commercial_pastels.JPG)

    RispondiElimina
  10. ...grazie a voi ho scoperto questa spiegazione molto facile per bambini: quelli: pigmento e legno sono matite, altri sono pastelli.
    Si, sperienza con la carta abrasiva regala nuovi sensazioni, è molto diversa dalla carta:)

    RispondiElimina
  11. Mammabook4.2.12

    Finalmente riesco a commentare!
    Conoscevo questa tecnica, ti ringrazio per avermela ricordata e per avermi fatto pensare a Degas. Per me pastelli e matite non sono mai stati la stessa cosa, probabilmente dipende dalla zone d'Italia dove ti trovi. Io sono toscana!

    RispondiElimina
  12.  ...probabilmente si, dipende anche da questo.
     Grazie a te Silvia!

    RispondiElimina
  13. Татьяна, так все здорово, а я вот мучалась чем защитить дочкины рисунки пастелью - лаком для волос??? Это правда?

    RispondiElimina
  14. да, только аккуратно, не с очень близкого расстояния, легко пройтись.

    RispondiElimina
  15. Спасибо, обязательно попробую!

    RispondiElimina
  16.  забыла сразу сказать: конечно для лучшей сохранности сразу в рамочу под стекло и на стенку повесить.

    RispondiElimina
  17. Слишком много рисунков. :)

    RispondiElimina
  18. Mlinardatou201013.2.12

    Beautiful pastel compositions.

    RispondiElimina
  19. leontina Valmercat25.3.12

    ciao!
    complimenti al blog!
    con "pastelli" di solito, comunemente si chiamano i colori a cera o a olio, poi ci sono le matite colorate e i gessetti! I pastelli duri come li chiami tu, che sembrano gessetti per la lavagna ma quadrati e utilizzati dai "grandi", in termine tecnico si chiamano POLICROMI!
    ciao!!!

    RispondiElimina
  20. ciao!
    Sei sicura riguardo POLICROMI? Ho letto quà che sono i gessetti http://www.archimediabellearti.it/Default.aspx?TabId=562. "Gesso a base di solfato di calcio... consigliati per i “Madonnari” e per gli artisti di strada" invece quelli che abbiamo usato noi fatti di pigmento e legante (colla): http://www.archimediabellearti.it/TecnicadeiPastelli/tabid/593/Default.aspx
    E la differenza nel prezzo è tanta!

    Grazie per il termine nuovo!
    Riguardo le matite colorate ho chiesto a mia figlia che frequenta la prima elenentare come chiama la maestra di Immagine le matite colorate? E la risposta è pastelli!
    Ciao e grazie ancora!

    RispondiElimina